lunedì 21 luglio 2008

VOLGARITA' E ILARITA'

Spero che nei riguardi del ministro Bossi, dopo le sue esternazioni volgari e pericolose, nessuno si accontenti di qualche retorica deplorazione. Si tratta di comportamenti delittuosi e, in tal caso, suscettibili di una iniziativa giudiziaria. Se Berlusconi non fosse un affarista e un pagliaccio, dovrebbe immediatamente esigere le dimissioni per indegnità da un simile ministro. Gli italiani dovrebbero cominciare a non sottovalutare questi insulti e imparare a reagire democraticamente. Altrimenti diventa ogni giorno più vero che chi è al potere fa e dice ciò che vuole in totale impunità, almeno se appartiene alla maggioranza.
 
Sul piano della ilarità questa settimana Oliviero Diliberto del Partito dei Comunisti italiani è addirittura imbattibile. Ha riesumato il centralismo democratico con toni e forme ormai tramontate da un pezzo. Questo significa un irrigidimento ideologico che certamente molti militanti di base non accetteranno più in vista di una sinistra aperta e disponibile alla collaborazione con il Partito Democratico. Ancora una volta si vede che  i dirigenti politici vivono fuori dal mondo