giovedì 29 novembre 2007

VOGLIA DI RICERCA

Il gruppo biblico di Torino (giunto al suo 29° anno) e il gruppo “comunità nascente” hanno organizzato mercoledì 21 novembre una serata su “Una spiritualità della liberazione” con la teologa italo-boliviana Antonietta Potente.

Una ottantina di persone hanno dato vita, dopo una significativa relazione introduttiva dell’invitata, ad un dialogo vivace. “Bisogna stare in un contesto, sapere bene dove si mettono i piedi, da che parte ci si colloca”, aveva esordito suor Antonietta Potente.

Spiritualità e liberazione sono parole vuote, evanescenti fuori da contesti precisi. Se si intendono come percorsi permeati dallo Spirito di Dio, allora suscitano responsabilità, iniziativa, sovvertimento non violento degli schemi culturali ed ecclesiastici oggi dominanti.

Il popolo di Dio deve riprendersi l’iniziativa della sua vita, della sua fede, della sua azione comunitaria senza deleghe gerarchiche. Abbiamo bisogno di leaders, non di furie.

Il leader vero spinge verso l’autonomia e la libertà, il guru crea dipendenza. Il mondo oggi è uno straordinario laboratorio di futuro e sotto la cenere c’è crepitio di tante fiammelle.

La nostra chiesa, purtroppo, va un po’ per la sua strada e sembra richiudersi in un mondo tutto suo. Cerchiamo di abitare nel mondo reale, non in quello di cui ci hanno dato spettacolo le recenti riunioni cardinalizie.

Il prossimo appuntamento è per venerdì 14 dicembre alle ore 21, presso i locali dell’ASAI (Via Sant’Anselmo 27) a Torino.